Home B2B Come la ricerca sul sito fa aumentare le vendite

Come la ricerca sul sito fa aumentare le vendite

180
0

La ricerca sul sito aiuta gli acquirenti di e-commerce a trovare rapidamente ciò che stanno cercando e probabilmente venderai di più. Per fare ciò, devi migliorare la navigazione sul tuo sito e la sua funzione di ricerca. In questo articolo, condividerò le sfide per la ricerca su un sito B2B e come superarle.

Ottimizzare la ricerca su sito B2B

Una ricerca ottimizzata è vantaggiosa per i siti di e-commerce B2C e B2B. Ma i siti B2B hanno spesso sfide uniche quando si tratta di ricerca. Ecco alcuni dei più comuni.

  1. Ricerche attraverso il codice prodotto. Nel B2B, gli acquirenti cercano in base al codice prodotto che usano per fare riferimento a un articolo. In alcuni casi, possono eseguire la ricerca in base a un numero parziale o banalmente il numero digitato potrebbe contenere un trattino. Inoltre, possono esserci più codici articolo per lo stesso prodotto. 
  2. Prodotti Simili. Molte aziende B2B hanno più prodotti molto simili. Sono rappresentati dalla stessa foto e, forse, quasi dalla stessa descrizione. Potrebbero esserci 100 SKU che hanno lo stesso aspetto ma sono diversi per dimensioni, forza e altri attributi. Ciò può rendere difficile per gli acquirenti individuare l’articolo corretto in una ricerca.
  3. Nessun prezzo o aggiunta al carrello nei risultati di ricerca.  Le aziende B2B spesso forniscono prezzi personalizzati in base al cliente. Pertanto, un’azienda potrebbe non elencare i prezzi nei risultati di ricerca e potrebbe escludere un pulsante Aggiungi al carrello nei risultati. Questo rallenta gli acquisti.

Revisione della tua ricerca sul sito

Un buon modo per esaminare la ricerca sul tuo sito è impostare il monitoraggio della ricerca di Google Analytics. Per fare ciò, prima determina il parametro della query per la tua ricerca. Nell’esempio seguente, il parametro della query è “q” in un caso e “parola chiave” in un altro, mentre se usi woocommerce il parametro è “s”.

Ad esempio il parametro di ricerca per Arrow.com è “q”.

ricerca sul sito: come ottimizzarla per vendere di più

Per altri siti il parametro potrebbe variare.

Quindi, in Google Analytics 4, vai su Amministrazione > Stream di Dati > Misurazione Avanzata e clicca sull’icona a forma di ingranaggio, chiaramente assicurati che sia tutto attivo. Successivamente si apre un pannello laterale, quindi individua la voce ricerca sul sito e fai click su Mostra impostazioni avanzate. Assicurati che il parametro usato dal tuo sito sia nell’elenco, se non c’è, inseriscilo.

ricerca sul sito: google analytics 4

Questo ti permetterà di vedere:

  • Quanti dei visitatori del tuo sito web utilizzano la ricerca del tuo sito;
  • Il tasso di conversione dei visitatori che utilizzano la tua ricerca e quelli che non lo fanno;
  • Le parole chiave più cercate.

Secondo la mia esperienza, i visitatori che utilizzano la ricerca hanno un tasso di conversione più elevato. La revisione di questa metrica prima e dopo aver apportato modifiche alla ricerca ti aiuterà a comprenderne l’impatto.

Dopo aver abilitato il monitoraggio della ricerca in Google Analytics, lascia passare una settimana e guarda i termini di ricerca più comuni. Ora prova tu stesso quelle ricerche. Come sembrano? Ottieni il prodotto corretto come primo risultato di ricerca?

Ottimizzazione della ricerca sul sito

Ecco tre modi per ottenere il massimo dalla tua ricerca sul sito.

  • Promozione di prodotti specifici per le ricerche più frequenti. Dopo aver utilizzato Google Analytics per identificare le tue ricerche principali, identifica i prodotti che desideri vengano visualizzati per tali ricerche. Sostituisci manualmente i risultati della ricerca, se necessario. Ciò potrebbe richiedere l’assistenza di uno sviluppatore.
  • Migliora la tua pagina dei risultati di ricerca concentrandoti sulla conversione. Prendi in considerazione un consulente di usabilità per i consigli. In caso contrario, confronta le pagine dei risultati di ricerca con quelle di grandi rivenditori come Amazon e Office Depot. Migliora le immagini dei tuoi prodotti. Se possibile, fornisci i prezzi e un pulsante Aggiungi al carrello. Includi le recensioni dei prodotti per la prova sociale.
  • Assicurarsi che gli identificativi degli articoli restituiscano i risultati corretti. Come ho indicato sopra, gli acquirenti di e-commerce B2B spesso cercano per sku. Prova gli SKU, sia completi che parziali in base a ciò che vedi le persone che cercano in Google Analytics. Se questi non restituiscono i risultati corretti, parla con il tuo sviluppatore.

Aggiunta di funzionalità per aumentare le entrate

Per aumentare le entrate dalla ricerca sul tuo sito, considera questi miglioramenti.

  • Usa la ricerca con filtri. Questo è in genere un elenco di filtri a sinistra della pagina dei risultati di ricerca che consentono ai visitatori di perfezionare i risultati di ricerca in base ad attributi specifici. Questo può essere estremamente vantaggioso per gli acquirenti B2B (e B2C), per aiutarli a trovare i prodotti giusti.

Ad esempio la ricerca di escarpe.it, a sinistra, include “Genere”, “Taglia” e “Marca”.

Avere dei buoni filtri di ricerca richiede dati per tutti gli attributi su cui filtrare. Ciò comporta spesso una revisione dei dati di prodotto e una soluzione per gestire più facilmente i dati, come l’integrazione con il software di gestione delle informazioni sui prodotti (PIM ovvero Product Information Management).

  • Identifica gli errori di ortografia e indirizza gli utenti ai prodotti previsti. Gli errori di battitura sono comuni, soprattutto quando gli utenti utilizzano gli smartphone. Identifica gli errori di ortografia nei termini di ricerca, quindi indirizza rapidamente gli utenti a ciò che stanno cercando.
ricerca sul sito: come ottimizzarla per vendere di più
  • Offerta suggerimento automatico. Questa è una funzione in cui viene visualizzata una casella a discesa quando un utente digita i termini di ricerca. Nella casella a discesa sono presenti suggerimenti su ciò che l’utente potrebbe cercare in base alle ricerche comuni, ai dati del tuo sito e, potenzialmente, ai dati di quell’utente.

La ricerca di “trekking” su escarpe.it attiva suggerimenti automatici come puoi vedere nell’immagine poco sotto.

ricerca sul sito: come ottimizzarla per vendere di più

Ricerca integrata o di terze parti?

Alcuni dei miglioramenti sopra elencati probabilmente li puoi apportare con l’aiuto di uno sviluppatore. In alternativa, prendi in considerazione un fornitore di ricerca di terze parti per implementare i miglioramenti.

I fornitori di ricerca su sito in genere prendono un feed di dati dal tuo sito e lo utilizzano per creare risultati di ricerca con le funzionalità che ho descritto in questo articolo. Nella mia esperienza, i prezzi vanno da € 500 a € 5.000 al mese. I fornitori di solito possono monitorare le conversioni dalla loro ricerca sul sito e quindi misurare il ritorno sull’investimento. Le piattaforme offrono anche strumenti di analisi e gestione che ti consentono di avere maggiore visibilità e controllo su ciò che vedranno i tuoi utenti.

Iniziare

Non lasciarti sopraffare da tutti i possibili miglioramenti. Inizia impostando il monitoraggio della ricerca sul sito in Google Analytics. Osserva il rendimento delle ricerche comuni sul sito e decidi quali nuove funzionalità genereranno il miglior ritorno. Implementa queste funzionalità e misura l’impatto. Il miglioramento continuo è il segreto del gioco.

Articolo precedenteIl modello ad abbonamento può aumentare il lifetime value dell’utente
Articolo successivo7 modi per migliorare la navigazione nel tuo ecommerce
Ciao! Sono Giovanni D'Addabbo, growth hacker e full stack developer. Scrivo di tecnologia, startup ed e-commerce da diversi anni e su diverse piattaforme. Ho lavorato a progetti di varie dimensioni che vanno da piccole aziende locali a grandi aziende ricoprendo la posizione di e-commerce manager. Detesto gli imprevisti e le pressioni eccessive, quindi cerco di prevenirli organizzando il lavoro nel modo più preciso possibile e con una tempistica per raggiungere gli obiettivi in anticipo in modo che ci sia tempo per rivedere tutto e stare tranquilli. Se vuoi sapere qualcosa in più su di me o sei interessato allo startup di nuovi progetti, visita il mio sito internet.