Home SEO Tools 5 modi per utilizzare ChatGPT per la SEO

5 modi per utilizzare ChatGPT per la SEO

220
0
chatgpt per la seo

L’intelligenza artificiale non è una novità per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Ma l’emergere di strumenti di intelligenza artificiale gratuiti o poco costosi come ChatGPT, Jasper e RankIQ in grado di produrre contenuti ottimizzati su larga scala ha suscitato molta angoscia in gran parte del genere umano.

Noi di EcommercePratico siamo oltremodo convinti che tali strumenti saranno un ausilio sempre maggiore per una grande varietà di lavori ma, ripeto, saranno un ausilio non una sostituzione, in quanto uno strumento potente, per quanto potente non può fare nulla da solo e di certo se ci si limita ad usare lo strumento e a non rielaborare quanto prodotto ci sarà un livellamento verso il basso della qualità media di quanto prodotto.

Google non ha pubblicato una politica definitiva sull’indicizzazione e il posizionamento di informazioni interamente generate dall’intelligenza artificiale. Nella sua spiegazione di “contenuti utili”, Google si limita a sconsigliare “un’ampia automazione”. John Mueller di Google è più diretto, affermando che Google non vuole materiale generato dall’intelligenza artificiale.

Tuttavia un test effettuato da un’azienda spagnola pare che dimostri che Google non gradisca i contenuti generati dall’IA, com’è possibile osservare nell’immagine sottostante.

chatgpt per la seo
Andamento del traffico

Nell’immagine di cui sopra l’azienda mostra come google all’inizio gli abbia portato un sacco di traffico per poi azzerarlo completamente nel momento in cui l’algoritmo di google si è reso conto che erano tutti articoli generati da una IA. Il test è stato fatto su 10 siti e 500 articoli.

Tuttavia, esistono molti altri modi per utilizzare gli strumenti AI e ChatGPT oltre alla generazione di contenuti. Ad esempio, lo strumento può analizzare i contenuti e offrire consigli SEO!

Utilizzando gli screenshot del ChatGPT che presto diventerà premium, quelli che seguono sono cinque modi “sicuri” per utilizzare l’automazione basata sull’intelligenza artificiale nella SEO.

Genera codice schema

Il markup di Schema.org aiuta Google a comprendere una pagina web e facilita anche i rich snippet nei risultati di ricerca organici. Non mancano i generatori di schemi, ma ChatGPT è tra i migliori in quanto richiede poche istruzioni, risparmiando tempo. Basta copiare e incollare il contenuto nello strumento e richiedere un codice Schema specifico.

chatgpt per la seo
ChatGPT non ha bisogno di molte istruzioni per generare il codice Schema.org.

In alternativa, copia e incolla il tuo contenuto e lascia che ChatGPT suggerisca i tipi di schema. Lo strumento può anche generare HTML, CSS e altri tipi di codice.

chatgpt per la seo
chatgpt per la seo

Migliora i contenuti

Gli errori grammaticali e di ortografia danneggiano l’usabilità e si riflettono male su un marchio. App robuste come Grammarly sono un punto fermo di scrittori ed editori. Ma gli strumenti di intelligenza artificiale non si limitano solo alla grammatica e all’ortografia. Possono riorganizzare un articolo, riassumerlo, aggiungere elenchi puntati e persino suggerire sottotitoli.

chatgpt per la seo
chatgpt per la seo

Crea meta descrizioni

Google ignora le meta descrizioni per le classifiche organicheMa mostra quelle descrizioni negli snippet dei risultati di ricercaQuindi garantire che tutte le pagine abbiano una meta descrizione aiuta a controllare l’aspetto degli snippet e quindi i click-through.

L’utilizzo dell’intelligenza artificiale per generare un riepilogo della pagina può far risparmiare tempo e presumibilmente non violerà una politica interna di Google poiché l’algoritmo la ignora.

Quindi Chiedi a ChatGPT di riassumere una pagina in una o due frasi. Il risultato è una bozza di meta descrizione. Quindi modificalo e aggiungi parole chiave, che vengono visualizzate in grassetto negli snippet quando vengono interrogate dagli utenti.

chatgpt per la seo
ChatGPT può riassumere una pagina in una o due frasi, risultando in una bozza di meta descrizione.

Organizza le parole chiave per intent

Google tenta di comprendere l’intenzione di un ricercatore quando classifica le pagine nei risultati organici. Spesso non è chiaro. Ad esempio, l’intento della query per “pasti sani” potrebbe essere per ristoranti, suggerimenti per la cena a casa o negozi di alimentari biologici.

Per la SEO, le parole chiave differiscono a seconda dell’intento. La generazione di quelle parole e frasi può richiedere molto tempo e uno sforzo (manuale).

ChatGPT può gestire questa attività in modo rapido ed efficace. Copia e incolla un elenco di idee per le parole chiave e chiedi a ChatGPT di organizzarlo in base all’intento di ricerca. Lo strumento è meno accurato su elenchi lunghi, secondo la mia esperienza. Quindi potresti dover dividere l’elenco in segmenti.

chatgpt per la seo
ChatGPT può organizzare le parole chiave in base all’intento di ricerca

Genera idee per titoli

La creazione di tag title degni di un clic può essere impegnativa. Gli strumenti di intelligenza artificiale possono scambiare idee con poche istruzioni o con una direzione specifica, come il contenuto “come”.

chatgpt per la seo
Gli strumenti di intelligenza artificiale possono raccogliere suggerimenti sui tag del titolo, anche con poche istruzioni, come questo esempio di ChatGPT

Conclusioni

Sicuramente lo strumento IA è molto interessante e ci riserverà delle soddisfazioni nel futuro prossimo, ma allo stato dell’arte delle cose per come sono oggi, tali strumenti sono solo un ottimo ausilio per professionisti che possono sfruttare quanto generato dalle IA per poter ridurre alcune tempistiche, pensare fuori dagli schemi e ottimizzare il proprio flusso di lavoro.

Attenzione: i dati su cui al momento si basano questa ed altre IA non sono aggiornati in tempo reale, per cui lasciano sempre il tempo che trovano e la professionalità è insita anche nel saper distinguere dati aggiornati rispetto a dati non aggiornati.

Usa bene le informazioni fornite da questi tool! Tu hai già usato questo o altri strumenti? Condividi la tua esperienza qui sotto nei commenti!

Articolo precedenteE-Commerce e logistica: 10 punti fondamentali
Articolo successivoInfluencer marketing, parte 1: che cos’è?
Ciao! Sono Giovanni D'Addabbo, growth hacker e full stack developer. Scrivo di tecnologia, startup ed e-commerce da diversi anni e su diverse piattaforme. Ho lavorato a progetti di varie dimensioni che vanno da piccole aziende locali a grandi aziende ricoprendo la posizione di e-commerce manager. Detesto gli imprevisti e le pressioni eccessive, quindi cerco di prevenirli organizzando il lavoro nel modo più preciso possibile e con una tempistica per raggiungere gli obiettivi in anticipo in modo che ci sia tempo per rivedere tutto e stare tranquilli. Se vuoi sapere qualcosa in più su di me o sei interessato allo startup di nuovi progetti, visita il mio sito internet.