Home SEO Tools Concorrenti: 3 Strumenti per identificarli

Concorrenti: 3 Strumenti per identificarli

506
0

L’ottimizzazione per la ricerca organica in genere richiede il monitoraggio dei concorrenti, ovvero i siti con una posizione in classifica più elevate dove per posizione in classifica si intende la posizione nella pagina dei risultati di ricerca ovvero la SERP (Search Engine Result Page) . Ma identificare i siti concorrenti non è sempre ovvio o immediato.

Più grande è il sito Web e più competitiva è una nicchia, più complicato è il compito. Potrebbe comportare migliaia di query (ovvero interrogazioni a database, in questo caso al motore di ricerca) e dozzine di domini concorrenti.

Dopo aver visto come impostare al meglio Google Ads per poter ottenere prestazioni migliori a livello di pubblicità a pagamento, oggi ci occupiamo dell’individuazione e monitoraggio dei concorrenti online.

Ecco i miei tre strumenti di riferimento per identificare i concorrenti per l’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Ricerca Google

La ricerca su Google è il tuo primo strumento. È gratuito e rivela tutti i tipi di opportunità, oltre agli elenchi organici, inclusi frammenti in primo piano e sezioni come “Le persone chiedono anche”, risultati di immagini e caroselli video .

Utilizza la modalità di navigazione in incognito di Chrome durante la ricerca per evitare risultati personalizzati dalla tua precedente attività o dalla geolocalizzazione.

Se scegli come target solo due o tre parole chiave, la ricerca su Google è tutto ciò di cui hai bisogno. Qui di seguito troverai alcune estensioni di Chrome per estrarre risultati organici oltre che dari utili accanto ad ogni voce in elenco:

  • MozBar . Mostra l’autorità della pagina (gratuitamente).
  • Barra degli strumenti SEO di Ahrefs . Mostra il numero di parole chiave per cui ogni URL si classifica e la sua autorità di pagina (disponibile solo per gli utenti Ahref a pagamento).

Personalmente uso entrambi gli strumenti per confrontare i primi 10 risultati di ricerca di Google per una determinata query.

La barra degli strumenti SEO di Ahrefs mostra il numero di parole chiave per cui ogni URL si classifica e la sua autorità di pagina.

Classifica SE

SE Ranking offre un pratico strumento di ricerca e monitoraggio competitivo e una funzionalità correlata per estrarre ed esportare (in Excel) i risultati di ricerca organici.

Ma lo strumento competitivo più utile di SE Ranking è il grafico “Ranking dynamics” che illustra le fluttuazioni dei risultati di ricerca nel tempo. Può identificare rapidamente concorrenti a lungo termine e nuovi, quelli che sono recentemente saliti in classifica.

Questi ultimi, nuovi concorrenti, possono rivelare tattiche di classifica innovative. Ma attenzione. Le tattiche di Blackhat possono aiutare temporaneamente i siti a guadagnare posizioni, fino a quando Google non rileva i tentativi di manipolare i suoi segnali.

Tuttavia, si imparano anche tattiche legittime dai nuovi concorrenti. Durante il monitoraggio, etichetto questi concorrenti come “nuovi” per tenere d’occhio le loro prestazioni e ricevere notifiche su guadagni o perdite.

Il grafico “Ranking dynamics” di SE Ranking mostra le fluttuazioni dei risultati di ricerca nel tempo, identificando rapidamente i concorrenti a lungo termine e quelli nuovi. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Ahrefs

La ricerca Google e SE Ranking sono più adatti per i siti più piccoli e quelli con cinque o meno domini concorrenti. Ma Ahrefs può identificare i concorrenti attraverso migliaia di parole chiave, troppe per essere indirizzate manualmente. È utile per i grandi siti di e-commerce con concorrenti diversi per ogni categoria di prodotto.

Lo strumento è facile da usare. Digita il tuo dominio e fai clic sul link “Domini concorrenti”. Ahrefs identificherà le parole chiave per le quali ti posizioni ed elencherà i domini con la maggior sovrapposizione di parole chiave.

Il rapporto “Competing Domains” di Ahrefs identifica le parole chiave per le quali ti posizioni e i domini con la maggior parte delle sovrapposizioni di parole chiave. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

Puoi filtrare lo strumento per includere solo frasi con un volume di ricerca minimo, difficoltà di parole chiave, costo per clic o numero di parole. Il risultato può identificare concorrenti “più facili”, quelli che si classificano per parole chiave a coda più lunga con un volume di ricerca inferiore. Puoi anche filtrare l’analisi per un determinato paese.

Facendo clic su “Parole chiave comuni” verrà prodotto un rapporto che elenca tali termini. Ma assicurati sempre che le query siano importanti per la tua attività e quindi degne di essere ottimizzate.

Cosa non fare

I tre strumenti di cui sopra possono identificare i principali concorrenti SEO. Ma alcuni siti con classifiche più alte sono più o meno impossibili da superare. Questi includono Wikipedia, Amazon e siti governativi ufficiali “.gov”.

Quindi è inutile monitorare quei siti. Se si posizionano per una parola chiave target, cambia rotta. Scegline uno diverso con un volume di ricerca inferiore. È più fattibile.

Articolo precedenteCome impostare Google ads per prestazioni al top
Articolo successivoE-Commerce e logistica: 10 punti fondamentali
Ciao! Sono Giovanni D'Addabbo, growth hacker e full stack developer. Scrivo di tecnologia, startup ed e-commerce da diversi anni e su diverse piattaforme. Ho lavorato a progetti di varie dimensioni che vanno da piccole aziende locali a grandi aziende ricoprendo la posizione di e-commerce manager. Detesto gli imprevisti e le pressioni eccessive, quindi cerco di prevenirli organizzando il lavoro nel modo più preciso possibile e con una tempistica per raggiungere gli obiettivi in anticipo in modo che ci sia tempo per rivedere tutto e stare tranquilli. Se vuoi sapere qualcosa in più su di me o sei interessato allo startup di nuovi progetti, visita il mio sito internet.